L'antico canto della Passione di Nostro Signore Gesù Cristo

Oggi vi proponiamo un antico canto che racconta in forma recitativa le 24 ore della Passione di Cristo, cantato solitamente dai pellegrini sul Sacro Monte di Brienza una volta giunti davanti alla Miracolosa Effigie del SS Crocifisso.

Il testo originale probabilmente risale al XVI secolo e proviene dalla Sicilia, regione nella quale è molto diffuso il culto del SS Crocifisso. Non è escludibile, di fatti, che molti pellegrini provenissero da lì ed avessero importato suddetto canto.

Il testo è nel tradizionale dialetto burgentino (città di Brienza):


Santa Brig’da ngun’cchiata stìa

nanz a nu Curgfiss a s’arurà,

cu na mano nu libr l'ggìa cu n’ata man na ntorcia a lumà. R’cenn a Crist la mia n’tnzion

Divina è la sua Santa Passion

Allora u Curg’fiss r‘ispu'nnìa

Nsiem’a santa bri’gda parlava. Ng r cuntava r pene ca patije

La Santa Passion ng lib’rava Ma Santa Br’gda tutta scummattìa

R’ lagrim al suo petto s'abbagnava. E allora s’ avvc’naron’ i giudei

Ma uno ng n rije cu na catena

Ma uno ng n rije cu na catena

E N’at u rije senza aver pietà. Ropp parlat cu sua madre a’ muschina

Ng rienn' 620 buff’ttun’ Niur u fecer chiu du nu cravon

Nun s putia stenn mpier a umatin. Trascinann a P’lat’ u purta’rnn

Cu nu mantiell r scarlatt fin

Nguodd u mes’n na croc’ longa

A u mont calvario l’avia purtà. Ma p’ a via semp ja carenn R vrazz'ra e r g'nocch'ra s strazzavan

“Nu n’era una cosa ri stra’quann” Ja chiangenn a sua madre aroc. Pilat s’ affacciaj a u balcon

Lassati j che è iust e mienz muort

Lassati j che è iust e mienz muort

ca i nun u pozz cundanna Nu vacìl r’acqua s fec v'nì,

ma le suoi mani s mes a lavà

e quann su u veddn arr'và R nuov su u mes’r a fran’gllà.


Crist’ tutt r cos r sapìa

la morte sua s’era avv'cnata

N’ora r notte sona l’ata sera

Crist’ facia cena e miserere


Ma quann Crist la cena facìà

Giuda u tradimento ng preparava

A r doje ora ng r lavahe

A r’ tre ora già r prer’cava.


A r quatt’ ora ng r cumm’ncahe

A r cinq ora a l’uort s n andava

A r sei ora n’angelo calava

P cunnett il suo caro a Dio.


A r sett’ ora na truppa fu arr'vta

Crist cu r mani soje s arr’nnje

A r ott’ or avije nu schiaff’ ra spietat

A r nov ora fu tutt maltrattat


a r diec ora Ra pacc’ fu trattat

unn’rc ora u me’sir carc’rat


Cumm nu p’catt avess cumm'ttut

A r dur’c ora a la casa r’ Pilat fu purtat’


A r trir’c ora a na culonna fu l’ hat

Spin pungent a li malfattur’

ncur’nat fust a r quattor’c ora

ra russ fu v’stut a r’ quinn’c ora


fu schaffìat ra cipr’ e farisei

a sis’rc ora u mes’r nu nd’mor

r’cenn “curg’cfiss" i giudei

e a r diciassett’ ora cumparìa na croc


a r diciott’ ora vrìa chi peccajhe l’eterna luc

a r diciannov or' u mess’r incroc

ress alla madre nun aver chiù affann

ca i p figl t rest a Giu’ann


a r v’nti ora pr’haje a quiru Patr aroc

ng ress P’rddunat i tirann’

quir ca erano li ignoranti

quir ca nu capienn chiu ca tant


l’acqua l’ addummannaj a r ventun’ ora

li rih’n fiele e acit intrarversal’

v’ntiruje ora fu divinitat’

na lancia pungente r'cvije.


fu purtat a r vin’tr’ ora e schiuvat

r’cienn “u Curg’fiss ri giurei”

straziat fu a r vint’quatt’ora

muort nun era p quir pop’l ebreo.


Sta ‘razione chi a ric na vota a u iorn

R mala mort nu n pot mor

Chi nu a sap s l'adda mpara

Quann è u punt ru suo muri.

Santa Brig’da ng fac cumbagnia Amen


Per ascoltare l'audio visita la sezione del sito "canti".







67 visualizzazioni0 commenti